Bonus R&S: attività di ricerca e sviluppo commissionata da socio statunitense

È possibile beneficiare del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, in relazione ai costi sostenuti dall’impresa italiana (o dalla stabile organizzazione) per l’attività di ricerca effettuata su commissione del socio unico statunitense (Agenzia delle Entrate – Principio di diritto n. 15/2018)

DISCIPLINA AGEVOLATIVA
In base alla disciplina agevolativa del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo (cd. “bonus R&S”), a tutte le imprese italiane e alle stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di imprese estere, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano nonché dal regime contabile adottato, che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2020, è riconosciuto un credito di imposta per investimenti, in misura pari al 50 per cento delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei tre periodi d’imposta precedenti a quello di prima applicazione dell’agevolazione.
Il “bonus R&S” è riconosciuto anche alle imprese residenti o alle stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti che eseguono le attività di ricerca e sviluppo su commissione di imprese residenti o localizzate in altri Stati membri dell’Unione europea, negli Stati aderenti all’accordo sullo Spazio economico europeo ovvero in Stati compresi nell’elenco degli Stati con i quali è attuabile lo scambio di informazioni secondo le convenzioni contro le doppie imposizioni sul reddito (cd. “white list”).

CHIARIMENTI DELL’AGENZIA
In merito all’attività di ricerca e sviluppo eseguita da imprese residenti per committenti esteri, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il soggetto commissionario residente viene ad essere equiparato, ai fini dell’agevolazione, al soggetto residente che effettua investimenti in attività di ricerca e sviluppo e, conseguentemente, ai fini della determinazione del beneficio spettante, non assume rilievo il corrispettivo contrattuale pattuito con il committente estero, ma la somma delle singole voci di spesa, analiticamente documentate, appartenenti alle categorie di costi ammissibili all’agevolazione, che rileveranno nel periodo di imposta del loro effettivo sostenimento, e non già in quello di completamento della commessa o dello stato di avanzamento della stessa.
E ciò deve ritenersi applicabile anche nell’ipotesi in cui il contratto sia stipulato con una parte correlata (ad esempio, tra la società capo gruppo estera e la società controllata italiana dedita alle attività di ricerca e sviluppo), nonché nel caso in cui le spese agevolabili siano sostenute da una stabile organizzazione in Italia in esecuzione degli accordi intercorrenti con la casa madre estera.

PRINCIPIO DI DIRITTO
In virtù dei suddetti chiarimenti, dunque, è possibile affermare il principio di diritto secondo cui, il “bonus R&S” spetta anche in relazione alle spese ammissibili all’agevolazione sostenute per l’attività di ricerca e sviluppo commissionata a società residente in Italia da società estera statunitense, che è socio unico della società commissionaria e alla quale la società commissionaria riaddebita i costi della suddetta attività di ricerca.
Tuttavia, occorre tenere presente che a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 14 luglio 2018 non si considerano ammissibili al beneficio i costi sostenuti per l’acquisto, anche in licenza d’uso, dei beni immateriali (competenze tecniche e privative industriali relative a un’invenzione industriale o biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale) derivanti da operazioni intercorse con imprese appartenenti al medesimo gruppo.